Informarsi in rete

Quali sono le principali testate giornalistiche italiane? E’ possibile informarci sulla rete senza spendere neanche un euro?
Qui un elenco dei principali siti offerti dalle agenzie stampa e dei giornali.

 

 

 

Chiaramete la principale agenzia di stampa italiana  è l’ansa.  che corrisponde alll’acronimo di Agenzia Nazionale Stampa Associata, e ha sede a Roma

Da wikipedia sia apprende che è stata fondata nel 1945 con lo scopo di creare una agenzia stampa libera non controllata dal governo e da gruppi privati. Tra i suoi fondatori troviamo  Giuseppe Liverani, direttore amministrativo de Il Popolo, Primo Parrini, direttore amministrativo dell’Avanti!, e Amerigo Terenzi, consigliere delegato de l’Unità.

 

Nel 1850 tedesco Paul Julius Reuter (1816-1899) intraprese un servizio di trasmissione di notizie tra Aquisgrana e Bruxelles utilizzando i piccioni viaggiatori. Da quipoi le notizie erano successivamente comunicate a Berlino grazie al telegrafo. Nel giugno del 1851 si trasferì a Londra  aprì un ufficio per la trasmissione telegrafica delle quotazioni di borsa tra Londra e Parigi grazie al circuito telegrafico installato  sotto la Manica.

Ben presto l’agenzia da lui fondata fu in grado di fornire notizie telegrafiche alla stampa inglese e di altri paesi europei. Nel 1865 la Reuters fu la prima agenzia di stampa in Europa a dare l’annuncio dell’assassinio del presidente degli Stati Uniti Abraham Lincoln. Nello stesso anno aprì il primo ufficio al di fuori dell’Europa ad Alessandria d’Egitto. A questo fece seguito nel 1866 l’apertura della sede di Bombay. Con lo sviluppo tecnologico l’agenzia inglese fu in grado di raggiungere con la sua rete telegrafica l’Estremo Oriente nel 1872 ed il Sud America due anni dopo con l’apertura dell’ufficio di Valparaiso. Nel 1876 venne inaugurata a Città del Capo la prima sede del Sud Africa.

Nel 1918 la Reuters fu la prima agenzia a dare l’annuncio della fine della prima guerra mondiale nell’impero britannico. Nel 1923 iniziò la prima trasmissione di bollettini radio in alfabeto Morse e nel 1927 venne adottato l’uso della telescrivente. Nel 1941 venne istituito il Reuters Trust con l’intento di preservare l’indipendenza della società. Nel 1984 la Reuters è divenuta una società per azioni quotata alla borsa di Londra. Nel 1994 ha inaugurato il canale televisivo Reuters per le notizie finanziarie. Nel 2001 è stata acquisita la maggioranza della società statunitense Bridge Information System che è stata incorporata nella Reuters due anni dopo (fonte).

Principali Giornali Italiani

Segue breve commento, cercando di ordinarli in base al tipo di schiaramento politico dei lettori.

Forse leggermente di destra.Buoni approfondimenti culturali

 

Leggermente a sinistra  o comunque centro-sinistra.

 

Quotidiano di centro-destra,fondato nel 1974 da Indro Montanelli. Dal 1979 è proprietà della famiglia Berlusconi.

 

Ha sede a Torino ed è il 3° quotidiano italiano più letto.

Comprarlo se si è interessati alle notizie principali del giorno, gossip, alla fiorentina e futilità del momento. Poco approfondito. Deludente. Orientamento centro-destra.

 

Il quotidiano nasce per essere indipendente nel panorama giornalistico italiano. Inoltre, l’editore ha manifestato la volontà di rinunciare ai fondi del finanziamento pubblico per l’editoria e di sovvenzionarsi soltanto con i proventi della pubblicità e delle vendite. Peccato che le notizie presenti sul sito siano quasi esclusivamente politiche trascurando altri temi importanti come quelli sociali, scientifici, ecologici, artistici, etc..

 

Fondato nel 2000 da Vittorio Feltri, dall’agosto 2009 diretto da Maurizio Belpietro. Orientamento moderatamente di destra. Va letto nei momenti di disperazione, sopratutto se cerchiamo alcune “scuse” per votare o aver votato il PDL o Forza Italia.

 

E dulcis in fundus…

Gli estremi

Avanti. Non so neanch io perchè lo ho annoverato in questa sottoclasse perchè ormai non ci si accorge nemmeno che esiste . In verità questo storico quotidiano, quasi sconosciuto alla nuova generazione, ha avuto per un certo periodo come direttore Benito Mussolini ed è stata favorevole all’intervento dell’Italia in guerra. E per non deluderci, il quotidiano è stato praticamente diretto e condizionato da Bettino Craxi utilizzato per i suoi usi personali e per sferrare alcuni attacchi all’operato dei magistrati di Mani pulite. Detto questo lascio a voi l’ardua sentenza.


L’Unità. Definito giornale di sinistra.

About altrimondi

Dott. S.Aboudan