Trasporto assonale

 

Il corpo cellulare e le terminazioni nervose si trovano a distanza considerevole le une dalle alle altre quindi vi è bisogno di un sistema capace di trasportare le membrane di nuova sintesi e i prodotti di secrezione dall’apparato del Golgi fino all’estremità dell’assone. Tale movimento è denominato  trasporto assoplasmatico.

Vi sono tre sistemi di trasporto: due sistemi di trasporto assonale rapido (anterogrado e retrogrado)  e un sistema di trasporto assonale  lento (anterogrado).

Il trasporto assonale rapido dipende dall’energia prodotta dall’adenosintrifosfato (ATP).

Trasporto assonale rapido

Trasporto assonale rapido.La chinesina possiede due teste che si legano ai microtuboli e una coda che lega gli organuli da trasportare.

Il trasporto anterogrado (dal corpo cellulare verso le terminazioni assoniche) raggiunge una  velocità massima di circa 400 mm al giorno e dipende da uno o più filamenti che costituiscono il citoscheletro, nel quale i microtubuli formano una corsia sulla quale i singoli elementi si muovono a scatti. Tale movimento anterogrado rapido è determinato da una prteina definita chinesina (vedi figura a fianco). Essa possiede un paio di teste globulari che si legano ai microtubuli, e una coda che lega gli organuli che devono venire trasportati. E’ probabile che gli spostamenti siano promossi dallo scivolamento della molecola della chinesina lungo i microtubuli. 

Il trasporto rapido procede anche in direzione retrograda per il trasporto dei materiali già usati. L’elemento motore per questo trasporto, leggermente più lento della componente anterograda (200-300 mm al giorno), è costituito da una forma di dineina che anch’essa è una ATP-asi associata ai microtubuli. Una delle funzioni del trasporto retrogrado è quella d’informare il corpo cellulare su ciò che accade nelle lontane terminazioni  dei processi assonali.

Il trasporto assonale lento si verifica solo in direzione anterograda e attualmente sono  state trovate due componenti distinte sia per la velocità di spostamento lungo l’assone che per il tipo di proteine che trasportano. Quella più lenta (velocità di 0,2-2,5 mm al giorno) si occupa essenzialmente del flusso di proteine che costituiscono le sub-unità dei neurofilamenti, mentre l’altra  ha una velocità all’incirca doppia e ha una struttura proteica complessa. Questa componente si occupa del trasporto di alcune proteine come ad es l’actina e di altre che sono presenti in quantità limitata all’interno della cellula.

 

About altrimondi

Dott. S.Aboudan