Definizioni del sonno.

Per le svolgere normalmente le proprie attività lavorative e sociali l’uomo  ha la necessità di collocare durante l’arco delle 24 ore un periodo di riposo di circa 7/8 ore. Questo stato comportamentale è stato fin dall’antichità al centro di numerosi dibattiti filosofici e scientifici (per una review vedi qui). Attualmente la scienza grazie ai nuovi strumenti d’indagine sta cercando di dare risposta ai molti interrogativi che circondano tale fenomeno. Come ad esempio perchè dormiamo? A cosa serve il sonno? In questo e nei succesivi articoli cercherò di illustrare i principali temi, dibattiti scientifici, curiosità riguardanti tutto ciò è legato con il tema sonno.  

 

H. PieronIn letteratura scientifica esistono molto definizioni del sonno. Henri Pieron (1913) all’inizio del 900 è stato tra i primi a definire il sonno  come: “uno stato fisiologico periodicamente necessario, con una ciclicità relativamente indipendente dalle condizioni esterne e caratterizzato da una interruzione dei complessi rapporti sensoriali e motori che collegano il soggetto con il suo ambiente”. Molti anni dopo Carskadon e Dement (1989) lo definirono: “uno stato comportamentale reversibile di distacco percettivo e di non responsività all’ambiente”.

Una definizione più recente e forse più esaustiva è stata formulata da Fagioli e Salzarulo (1995) che hanno definito il sonno come uno stato dell’organismo caratterizzato da una ridotta reattività agli stimoli ambientali che comporta la sospensione dell’attività relazionale (rapporti con l’ambiente) e modificazioni della coscienza: esso s’instaura spontaneamente e periodicamente, si autolimita nel tempo, ed è reversibile.

All’interno di questa definizione troviamo dei concetti fondamentali che richiedono un’ulteriore specificazione:

  • Ridotta reattività agli stimoli ambientali: Durante il sonno si verifica un aumento della soglia degli stimoli sensoriali. Aumento che però dipende sia dalle caratteristiche fisiche e cognitive degli stimoli e dalle caratteristiche fisiologiche del sonno.
  • Il sonno s’instaura spontaneamente e periodicamente. Infatti, il sonno manifesta un’organizzazione ritmica e periodica e non necessariamente richiede meccanismi esterni per verificarsi, anche se alcune condizioni ambientali sono in grado di favorirlo.
  • Si autolimita nel senso che generalmente termina spontaneamente senza che sia necessario l’intervento di stimoli esterni.
  • E’ reversibile in quanto è possibile svegliarsi se sono somministrati ai soggetti stimoli sufficientemente intensi.

 

In definitiva, c’è grande accordo nel considerare il sonno come uno stato comportamentale. La parola stato, infatti, si riferisce ad una condizione, ad un modo di essere.

L’aggettivo comportamentale si riferisce al comportamento osservabile e registrabile nel modo più obiettivo possibile con un alto livello di coerenza tra gli osservatori.

Una delle prime definizioni di stato risale a Prechtl (1968) nei suoi lavori sui diversi stati comportamentali nei lattanti, lo stato è “una costellazione di pattern di variabili fisiologiche che sono relativamente stabili e che sembrano ripetersi. Sono prontamente riconoscibili, dato che appaiono ripetutamente non in un solo neonato, ma in tutti i neonati”. Uno stato comportamentale però, per poter essere definito tale deve presentare alcune specifiche caratteristiche:

 Stabilità nel tempo: le modificazioni delle variabili che stabiliscono uno stato devono essere considerate all’interno di un intervallo temporale sufficientemente ampio per distinguerlo dagli stati transitori.

Complessità: a causa della loro complessità gli stati non possono essere definiti con una sola variabile.

Gli stati sono mutuamente esclusivi nel senso che la presenza di uno stato impedisce l’occorrenza di tutti gli altri.

Organizzazione ciclica: gli stati si susseguono in modo non casuale.

In altre parole, la convergenza di diverse attività fisiologiche dell’organismo verso un modo di funzionare identificato da parametri comuni e che rimangono tali per un certo periodo di tempo è alla base del concetto di “stato”.
Infatti, diversi parametri opportunamente scelti nella regsitrazione del sonno conservano una determinata caratteristica per un certo tempo e si modificano sincronicamente: questa fa pensare che vi è un controllo sull’insieme di queste attività, cioè che il sonno è una funzione altamente controllata in vari settori dell’organismo (Salzarulo, 2007).

Per info sulla ricerca del sonno vedi anche qui.

 

About altrimondi

Dott. S.Aboudan